Grazie alla Legge Regionale 23 marzo 2000 n. 42 e successive modifiche si   prevede anche in Toscana l’istituzione di una nuova figura in ambito turistico: la Guida ambientale.

Ma chi è la Guida ambientale?

Citiamo l’art. 118 che ci fornisce nel comma 1 la definizione e la descrizione delle sue attività e nel comma 4 gli enti e le istituzioni con cui collabora.

“1. E’ guida ambientale chi, per professione, accompagna persone singole o gruppi assicurando la necessaria assistenza tecnica, nella visita di ambienti naturali, anche antropizzati, di musei eco-ambientali, allo scopo di illustrarne gli elementi, le caratteristiche, i rapporti ecologici, il legame con la storia e le tradizioni culturali, le attrattive paesaggistiche, e di fornire, inoltre, elementi di educazione ambientale. Sono esclusi quei percorsi che richiedono comunque l’uso di attrezzature e di tecniche alpinistiche.”

“4. Le guide ambientali collaborano:
a) con la Regione e gli Enti locali per la difesa e la tutela degli ambienti naturali, in special modo per il mantenimento della rete escursionistica della Toscana di cui alla legge regionale 20 marzo 1998, n. 17 “Rete escursionistica della Toscana e disciplina delle attivita’ escursionistiche”;
b) con gli enti preposti alla promozione del turismo;
c) con le istituzioni scolastiche per affiancare il corpo insegnante nelle iniziative e programmi di educazione ambientale.”

Per essere Guida Ambientale è necessario possedere i seguenti requisiti: abilitazione all’esercizio della professione conseguita mediante la frequenza di corsi di qualificazione professionale e/o il superamento di un esame; idoneità psico-fisica all’esercizio della professione; polizza assicurativa di responsabilità civile obbligatoria a copertura dei rischi derivanti alle persone dalla partecipazione alle visite; tessera di riconoscimento rilasciata dal comune.

ecco le nostre Guide Ambientali Escursionistiche:

Michele Colombini

Francesca Origlia