Warning: number_format() expects parameter 1 to be float, string given in /web/htdocs/www.piediincammino.it/home/wordpress/wp-includes/functions.php on line 412
Comments

  1. massimo costanzo

    Salve, siamo un gruppo facente parte della parrocchia di Sperone Messina. Stiamo cercando di formare una Cooperativa sociale per recuperare spazi e promuovere aggregazione. In particolare vorremmo recuperare un sentiero storico. Come possiamo collaborare con voi?

  2. Michele Colombini

    Ciao Francesco, 
    campare di questo lavoro al momento è piuttosto difficile ma con molto impegno e costanza è possibile arrivare a buoni risultati. Nel tuo commento poni altre domande piuttosto interessanti … magari in futuro scriverò un articolo approfondendo l’argomento … un saluto!

  3. Francesco

    Ma ci campi, o no? 😉
    Battute a parte, per chi sta pensando di cominciare con questa professione, sarebbe interessante spiegare attraverso quali canali accedi al mercato ovvero alle persone da guidare (meetup personale, enti parco..?) e quale può essere una stima di guadagno media. Grazie

  4. Piedi in Cammino

    ATTENZIONE: si segnalano problematiche di percorribilità sul sentiero n. 115 #Montepisano che da San Giuliano Terme (Via Niccolini) porta al Foro e quindi al Passo di Dante. 
    L’accesso al sentiero è stato interdetto (!)  Esiste un passaggio alternativo sul lato del cancello della Cava di Nord-Est anche se è presente un cartello (da qualche mese) che vieta l’accesso all’area della cava per indagini geologiche. 
    Ci stiamo attivando per avere informazioni in merito.

    Da una verifica il sentiero 105 nel tratto nei pressi della Romagna risulta percorribile e non interrotto. Problemi sussistono ancora nel tratto più in basso in direzione di Ripafratta. In discesa alcuni alberi abbattuti rendono impegnativo il passaggio. Il sentiero 107 in discesa per Pugnano si percorre con notevoli difficoltà e se ne sconsiglia l’utilizzo.

  5. Piedi in Cammino

    ATTENZIONE: abbiamo ricevuto una segnalazione da parte di turisti inglesi di una problematica sul sentiero 105 ‪#‎Montepisano‬ da “la Romagna” direzione “Ripafratta”.
    Pare che l’accesso al sentiero sia interrotto nei pressi de “La Romagna”. 
    Preghiamo tutti gli escursionisti di porre massima attenzione e di continuare a segnalarci interruzioni ed eventuali irregolarità.

  6. Pingback: Strada dell'Olio Monti Pisani | 11-12 aprile: progetto di riqualificazione della “Sfagneta di Buti”

  7. Pingback: 21 e 22 Marzo in provincia di Pisa | Strombolino

  8. Giovanni Morero

    Se i sentieri a voi affidati sono solo quelli sopra riportati, non è di Vs competenza.
    Volevo infatti segnalare, riguardo al sentiero 135 che non sono riuscito a individuarlo scendendo dal Colle della Bisantola, e ho dovuto seguire la strada forestale fino a Campo di Croce per poi discendere a Tre Colli.
    Inoltre il sentiero 0-0 da Campo di Croce verso lo spuntone di Santallago non è pulito, né facilmente individuabile, e il cartello indicatore sembra riferirsi alla via Tobler, che non è specificamente segnalata.
    Cordiali saluti e buon lavoro

  9. luca campinoti

    Da passo di dante abbiamo avuto qualche difficoltà ad individuare il percorso dell’anello di san giuliano soprattutto per la segnaletica verticale. Anche dalla casa del polacco, per chi passa la prima volta e non conosce la zona, il sentiero per san giuliano non è segnalato con la cartellonistica e si va un po’ a naso. Cordiali saluti

  10. Piedi in Cammino

    Gianfranco grazie per la segnalazione che invieremo direttamente al Sindaco di San Giuliano Terme. Purtroppo non esiste ad oggi un servizio di manutenzione dei sentieri del Monte Pisano che ne garantisca la percorribilità durante l’intero arco dell’anno. L’unico Comune che ha attuato un servizio manutenzione e promozione del Monte Pisano è il Comune di Capannori (LU).

  11. Gianfranco

    buongiorno, volevo segnalare che il sentiero 115, l’anello di san giuliano, presenta alcuni problemi di percorribilità nel tratto tra via nicolini e il foro a causa della vegetazione che ha invaso il sentiero.Anche il tratto in discesa tra passo dante e la villa del polacco è molto stretto a causa sempre della vegetazione.
    grazie

  12. Piedi in Cammino

    AVVISO criticità sentiero 105 ATTENZIONE sentiero con difficoltà di passaggio ALBERI ABBATTUTI lungo il sentiero in salita sopra PUGNANO. La problematica si sviluppa all’interno di una proprietà privata (cartelli) con alberi appositamente disposti di traverso lungo il sentiero. Porre la massima attenzione !

  13. Piedi in Cammino

    AVVISO criticità sentiero 105
    ATTENZIONE sentiero CHIUSO a #RIPAFRATTA nel primo tratto compreso tra Via Silvestro Lega e incrocio sentiero “00” per smottamenti. Si consiglia vivamente di passare dalla Rocca attraverso il sentiero “00”

  14. Alberta

    Buongiorno  se esiste  vorrei essere iscritta alla mail list se esiste  per le prossime escursioni. Grazie  saluti
    Alberta 

  15. Piedi in Cammino

    Vi informiamo che in data odierna abbiamo apposto segnaletica orizzontale regolamentare lungo tutto il sentiero n. 104 da Cerasomma all’innesto con lo “00” proveniente da Ripafratta. Il sentiero è aperto anche se qualche albero caduto a causa del forte vento di questi giorni ostacola il passaggio. 

  16. Piedi in Cammino

    Gent.mo Alessandro,
    grazie per la segnalazione. Siamo a conoscenza delle informazioni che ci hai fornito in merito al sentiero n. 104 da Cerasomma a Ripafratta. In questi giorni la Provincia di Pisa, con i suoi operai, ha provveduto ad aprire il tratto finale del sentiero che si congiunge allo “00”.
    Da tempo abbiamo deciso di adottare questo sentiero e appena possibile provvederemo ad apporre segnaletica orizzontale regolamentare. Grazie.

  17. alessandro di blasi

    Stamani ho percorso il sentiero 104 da Cerasomma a Ripafratta ed è interamente percorribile.Ci sono parecchi alberi caduti,ma si passa tranquillamente.La segnaletica è veramente scarsa e vetusta,specialmente sui numerosi bivi si va molto “a occhio”.L’ultimo tratto che si congiunge all”00″ne è totalmente sprovvisto.Ad ogni buon conto sull’innesto ho lasciato  un”ometto”di segnalazione.

  18. alessandro di blasi

    ATTENZIONE lungo il sentiero n.112 Meati-Pozzuolo-San Cerbone (ex 42) nel tratto Pozzuolo-San Cerbone a metà circa del percorso c’è una frana di alberi che rende molto difficoltoso il passaggio,infatti si supera quasi sdraiandosi a terra non  essendoci alternative per tanta vegetazione infestante. Inoltre lungo tutto il percorso la segnaletica bianco/rossa è quasi totalmente assente,e quella presente è molto vetusta.

  19. Piedi in Cammino

    ATTENZIONE Sentiero n. 139 zona Monte il Termine (Calci): dopo l’incendio di qualche anno fa i pini stanno cadendo. Qualche decina di tronchi sono caduti ed interrompono il sentiero in più punti. Abbiamo valutato che in molti casi è molto pericoloso passarci sotto. Aggirare l’ostacolo passando dall’oliveto in basso. Attenzione al vento.

  20. Piedi in Cammino

    Riportiamo una segnalazione di Fabio del 11.02.2013 Vorrei segnalare tutti quei cartelli CAI spezzati e quindi illeggibili lungo tutti i percorsi nei paraggi di Santallago.

  21. Cinzia2812

    Io c’ero!
    è sempre bello viaggiare per mare e per terre così particolari, quando si ritorna al contesto urbano, è inevitabile che pensi che in un certo momento anche lì, non c’era niente come nel posto in cui eravamo poco prima… e di certo il raffronto merita una lode a chi cerca con impegno di lasciare che la natura primeggi a tuttotondo, senza sè e senza ma…certo non fare il bagno è dispiaciuto! dalle foto che ho fatto, segnalo, però, che a distanza di mt 1000 si può fare…magari per chi potrà tornarci… merita davvero!!! Grazie per aver permesso una giornata tanto allegra e spensierata, alla prossima! Saluti, Cinzia.

  22. Cinzia2812

    Io c’ero!
    è sempre bello viaggiare per mare e per terre così particolari, quando si ritorna al contesto urbano, è inevitabile che pensi che in un certo momento anche lì, non c’era niente come nel posto in cui eravamo poco prima… e di certo il raffronto merita una lode a chi cerca con impegno di lasciare che la natura primeggi a tuttotondo, senza sè e senza ma…certo non fare il bagno è dispiaciuto! dalle foto che ho fatto, segnalo, però, che a distanza di mt 1000 si può fare…magari per chi potrà tornarci… merita davvero!!! Grazie per aver permesso una giornata tanto allegra e spensierata, alla prossima! Saluti, Cinzia.

  23. Piedi in Cammino

    Segnaliamo difficoltà di passaggio dal sentiero n. 105 al suo inizio nei pressi di Ripafratta: fosse profonde causate dalle forti piogge rendono difficoltosa la progressione.

    Facciamo presente a tutti gli escursionisti di indossare sempre pantaloni lunghi dato che lungo i sentieri è facile trovare tratti che tendono a chiudersi a causa della vegetazione.

  24. Stefano

    Salve,
    Anche il prossimo anno riuscirete a partecipare ad una favolosa esperienza del genere? Ne vorrei fare parte
    Cordiali saluti
    Stefano Cavallari

  25. Pingback: 2° Raduno Regionale Escursionistico FIE Toscana | Piedi in Cammino

  26. Piedi in Cammino

    Segnaliamo albero caduto lungo il sentiero delle Parole d’Oro n. 128 (ex 35) – Via degli Acquedotti. Salendo nel bosco, oltre il guado, un grande pino ostruisce il sentiero.

  27. Piedi in Cammino

    Attenzione ! Sentiero n. 124 (ex n. 08) alberi sul sentiero con difficoltà di passaggio e guadi con abbondante acqua.
    la segnalazione si riferisce al sentiero che collega Vorno a Campo di Croce lungo il Rio di Vorno, tratto della Via degli Acquedotti. Abbiamo constatato che in alcuni punti il passaggio è difficoltoso dato che alcuni alberi, anche di grosse dimensioni ostruiscono il passaggio. Presenza di frane, prestare sempre la massima attenzione quando si attraversano. Il punto di maggiore difficoltà è dato da questo albero (in foto) che è sdraiato sopra un tratto franoso. Non abbiamo capito se quel grande masso che potete vedere in foto è scivolato dall’alto.

  28. Piedi in Cammino

    Segnaliamo grosse difficoltà nel percorrere il sentiero 119 che dai bottinelli si dirige a Scarpa d’Orlando. Albero sul sentiero. Percorrere con attenzione il sentiero lungo il torrente.

  29. Piedi in Cammino

    Segnaliamo che il sentiero n. 104 da Cerasomma a Torre Niccolai è chiuso nelle vicinanze della Loc. Farneta. Per arrivare a Ripafratta è possibile utilizzare un sentiero che piega in direzione del cimitero.

  30. Piedi in Cammino

    Segnaliamo che il sentiero n. 109 da Molina di Quosa a le “Croci di Vaccoli” (Ex n. 11) è percorribile ma con difficoltà: alberi sul sentiero con difficoltà di passaggio nell’avvicinarsi a Le Croci di Vaccoli.

  31. Piedi in Cammino

    Segnaliamo che il sentiero n. 107 che da Pugnano raggiunge a mezza costa il Monte Maggiore terminando al senitero n. 105 da Ripafratta a “La Romagna” (ex tratta -00-): salendo, alberi caduti sul tratto finale del sentiero.

  32. Piedi in Cammino

    Riportiamo una segnalazione di Laura: segnalo che il sentiero 131 che parte da Foce di Calci (e ad anello ritorna alla Foce) ha molti arbusti e strada dissestata; ci si può passare solo a piedi

  33. Pingback: Aiutaci a diffondere le regole di comportamento in caso di terremoto ... | Terremoto Provincia di Modena e Ferrara, per dare una mano o informarsi | Scoop.it

  34. Pingback: Aiutaci a diffondere le regole di comportamento in caso di terremoto | Piedi in Cammino

  35. Laura Mensi

    Gentili Signori, vi scrivo in quanto ho visto dal vostro sito che nel mese di luglio farete un cammino proprio nelle Foreste Sacre, luogo dove io e la mia famiglia viviamo.
    Abbiamo un rifugio proprio sui sentieri che legano Camaldoli a Chiusi della Verna.
    Siamo tra Frassineta e Rimbocchi, più precisamente vicino al poggio della forca.
    Per i gruppi di pellegrinaggio facciamo un trattamento speciale a basso prezzo.
    Le stanze variano dalla matrimoniale alla camerata con letti a castello, serviamo inoltre la cena e la colazione.
    Vi invito a visitare il nostro sito http://www.santicchio.org nella speranza che prendiate in considerazione una sosta presso di noi.
    Grazie e buon cammino
    laura di casa santicchio

  36. Giovanni Marola

    Mi scusi Sig. Michele ma mi sembra che lei faccia finta di non capire. Nessuno ha mai detto che si deve sotterrare i rifiuti o aspettare che la vegetazione li ricopra. Si tratta invece di capire una cosa estremamente semplice: creare un piccolo cumulo di rifiuti bene in vista ai lati della strada significa dare il via ad una discarica che in breve tempo assume dimensioni incontrollabili. Cosa che infatti si è verificata puntualmente. Dire poi che gli uffici del comune e la Geofor sono stati avvertiti e hanno fatto i loro sopralluoghi non significa nulla anzi è un pura e semplice presa in giro. Ormai è passato più di un mese ed è fin troppo chiaro che dovremo assistere a quello sconcio per chissà quanto tempo, altro che luogo sano e intatto. Fare pulizia è certo lodevole ma bisogna farla in modo da non peggiorare la situazione. La sporcizia raccolta va portata via subito oppure accumulata in un luogo ben nascosto e se non si può o non si vuole farlo è molto meglio lasciare le cose come stanno. Attualmente tra le altre cose nell’immondizia vi è anche il tubo a raggi catodici di un televisore, che fa bella mostra di se, quasi in mezzo alla strada percorsa da persone di ogni età. Forse lei non lo sa ma si tratta di un oggetto pericoloso che se urtato o colpito da un sasso lanciato da qualche ragazzo, implode e proietta schegge di vetro che possono ferire gravemente. Se dovesse avvenire, indovini un poco chi potrebbe essere ritenuto responsabile. Ci faccia un pensierino signor Michele.
    Giovanni

  37. Michele Colombini

    Ciao Giovanni,
    hai espresso il tuo giudizio, e a noi spiace che tu la pensi in questo modo. Ci sta costando molto sacrificio bonificare l’area del Centro Parco per restituire alla natura ed alla popolazione un luogo sano ed intatto!
    Non crediamo che la soluzione migliore per il nostro mondo sia quella di far finta di nulla e sotterrare o lasciare che che la vegetazione nasconda i rifiuti. Più che prendertela con noi dovresti prendertela con l’inciviltà di alcune persone!
    Prima di effettuare la pulizia dell’area, e ne seguiranno altre fino al completamento dell’operazione, gli uffici predisposti del Comune di San Giuliano e la Geofor sono stati contattati ed hanno effettuato i loro sopralluoghi.
    Siamo ben coscienti che la situazione si stia aggravando e che ci siano stati dei ritardi nell’organizzazione dell’operazione ma confidiamo nella collaborazione attiva del Comune di San Giuliano Terme e di Geofor!
    Il Presidente
    Michele Colombini

  38. Giovanni Marola

    Congratulazioni! Una bella pulizia davvero.
    Almeno prima la sporcizia non si vedeva, ora invece abbiamo una discarica a cielo aperto che si arricchisce ogni giorno di tutti i generi di immondizia portata dai solerti abitanti del luogo. Non manca niente: televisori, frigoriferi, scaldabagni, macerie di varia origine e chi più ne ha ne metta. Un bello spettacolo per chi pensava di fare una passeggiata per ammirare uno dei posti più ameni delle colline pisane.
    Bravi e non ditemi che deve venire la Geofor a portare via tutto dato che quei signori se ne fregano altamente e poi tra poco non baseranno i camion dell’esercito.
    Giovanni

  39. Francesco

    Gradirei avere il programma dettagliato del trek:” l’Alta Via delle Alpi Apuane”
    Grazie.
    Francesco Sportolari