Associazione Piedi in Cammino – Sez. F.I.E. Pisa fietoscana    logofie
          F.I.E. – Federazione Italiana Escursionismo
Ente Morale DPR 1152 del 29/11/1971 – Associazione di Protezione Ambientale

sfagneta buti FIE pisa Monte Pisano

Dal 2010 Piedi in Cammino si adopera per tutelare e valorizzare alcune aree di pregio naturalistico, storico e paesaggistico del Monte Pisano. Da un una collaborazione con l’Associazione Italiana Piante Carnivore (A.I.P.C.) abbiamo ritenuto indispensabile fare rete con alcune realtà locali per provvedere a presentare alla Provincia di Pisa un progetto di “riqualificazione della Sfagneta di Buti” a salvaguardia della stazione di Drosera rotundifolia L. più meridionale d’Italia.

Posta all’interno della Riserva Naturale Provinciale “Monte Serra di Sotto” la Sfagneta di Buti rappresenta una tra le più interessanti zone umide della Toscana e dell’Italia centrale.

Oltre a Piedi in Cammino F.I.E. e A.I.P.C. sono partner di questo progetto l’Ecoistituto delle Cerbaie, l’Associazione Amici del Serra, e Legambiente.

Il primo intervento di riqualificazione sarà effettuato nel weekend 11 e 12 aprile 2015.
Per partecipare a queste giornate di riqualificazione per motivi organizzativi e assicurativi è necessario aver rinnovato l’iscrizione associativa. Tutti i Soci interessati a collaborare possono mettersi in contatto con le rispettive Associazioni.

Un particolare ringraziamento va a Giulio Pandeli Responsabile di Conservazione A.I.P.C. per la stesura del progetto e l’organizzazione delle giornate di riqualificazione.

riqualificazione sfagneta di buti monte pisano associazioni

 

– PROGRAMMA –

sabato 11 e domenica 12 aprile 2015 dalle ore 8:30 alle ore 17:30

sfagneta buti drosera rotundifolia FIE pisa Monte Pisano

– Ripulitura e taglio selettivo delle specie infestanti (Ulex europaeus L., Erica arborea L., Pteridium aquilinum (L.) Kuhn, Rubus sp. pl.);

– Taglio delle parti secche di Osmunda regalis L. in modo da impedirne la diffusione nella parte superficiale della sfagneta;

– Recupero di una migliore condizione idrica della zona umida, avvantaggiando i relitti microtermi e ostacolando la diffusione della briofita invasiva Campylopus introflexus (Hedw.) Brid. all’interno del biotopo.

– Rimozione del cumulo di foglie secche accumulate all’interno/esterno della recinzione.
Ripulitura e taglio selettivo delle specie infestanti (Ulex europaeus L., Erica arborea L., Pteridium aquilinum (L.) Kuhn, Rubus sp. pl.);

Alcune linee generali per l’intervento

1) Utilizzare indumenti adeguati alla stagione e all’ambiente in cui bisognerà muoversi, preferibilmente a prova di rovi, ginestroni e altri arbusti spinosi.

2) Munirsi di guanti spessi e Indossare calzature impermeabili come stivali; se sono già stati usati precedentemente, è necessario provvedere ad una corretta pulizia per non rischiare di introdurre propaguli/semi (magari provenienti da altre zone umide/sfagnete) all’interno del biotopo.

3) Portarsi dietro uno o più dei seguenti attrezzi per lo sfalcio: forbici da bonsai (necessarie per lavori di precisione), forbici da erba (utili per potare in maniera veloce cespi di graminacee), forbici da siepe (utili per tagliare ginestroni e felci), pala/rastrello (per raccogliere il fogliame all’esterno della recinzione). Gli strumenti vanno puliti il meglio possibile per i motivi già menzionati nel punto 2.

4) Organizzarsi per le pause pranzo insieme agli altri partecipanti.

logo stradadal 2011 promuoviamo il territorio della Strada dell’Olio Monti Pisani    

1 Comments

  1. Pingback: Strada dell'Olio Monti Pisani | 11-12 aprile: progetto di riqualificazione della “Sfagneta di Buti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.